Romy Schneider

Briciole di storia, quisquilie e pinzellacchere. Crinoline letali

Sembra impossibile credere che la romantica crinolina, ovvero quella sottoveste rigida (una vera e propria impalcatura) che nell’Ottocento rendeva gli abiti femminili amplissimi e vaporosi, potesse essere uno strumento di morte, ma così era in effetti. Il suo nome derivava dai crini di cavallo con cui all’inizio era realizzata, crini sostituiti poi da una sorta…

lautrec

Rubrica Coriandoli. “Siamo brutti ma la vita è bella”: capolavori, dissolutezze e passioni di Henry Toulouse-Lautrec

A chi lo derideva per la bassa statura, rispondeva: “Ho, in compenso, l’altezza del mio casato”, che in effetti era notevole e risalente addirittura all’epoca di Carlo Magno. Henri-Marie- Raymond de Tolouse-Lautrec-Monfa nacque il 24 Novembre 1864 ad Albi, una cittadina della Francia meridionale da Alphonse e Adèle, nobili entrambi e soprattutto cugini primi. Si…

silvia plath

Rubrica Coriandoli. Silvia Plath, bellissima, disperata, farfalla

Silvia Plath, una delle voci poetiche più straordinarie dell’America degli anni Cinquanta, nacque a Boston nel 1932 e mostrò fin da piccola una intensa propensione alla poesia e alla malinconia, accentuata dalla morte prematura del padre, stimato entomologo di origine tedesca, quando lei aveva 8 anni. Nell’adolescenza e nella giovinezza la malinconia si trasformò in…

Bach

Briciole di storia, quisquilie e pinzellacchere. Bach e l’oculista ciarlatano

Il 28 Marzo 1750 Johann Sebastian Bach a 65 anni (che allora era un’età ragguardevole) fu sottoposto ad un delicatissimo intervento agli occhi essendo diventato negli ultimi mesi completamente cieco. Gli occhi erano sempre stati il suo problema: era fortemente miope e soffriva di dolori persistenti ai bulbi oculari. Per il resto la sua salute,…

Marie de Hérédia

Rubrica Coriandoli. Marie de Hérédia, scrittrice mirabile, spudorata amante

Bella era bella davvero, Marie: un corpo modellato da una mano esperta, una pelle serica e alabastrina, «grandi occhi notturni». «Suora Notte», l’aveva ribattezzata d’Annunzio, che fu uno dei suoi tanti amanti, per quell’aura misteriosa e virginale, sensuale e indolente che riverberava. A lei scrisse missive e messaggi in francese, su carta da lettera color…

Nel giorno di Saffo

Briciole di storia, quisquilie e pinzellacchere. Saffo

Nacque nel 630 a.C. Saffo, la più straordinaria e dolente cultrice dell’amore dell’antichità e visse sempre sull’isola di Lesbo, culla della lirica greca, perché colà era approdata, portata dalle onde, la testa di Orfeo, mitico poeta e musico, che con la sua arte ammansiva le bestie feroci, e che, ferocemente, era stato fatto a pezzi…